General INFO

Utilizzo del Sito e dei Servizi di DINDICASH

  1. INTRODUZIONE
  2. L’accesso e l’uso del Sito www.dindicash.com (“Sito”) sono attività regolate dai presenti Termini e Condizioni di utilizzo (“TEC”). L’accesso, l’uso e ogni altra interazione con questo Sito presuppongono la lettura, la conoscenza e l’accettazione dei presenti TEC da parte dell’utente.

    2. L’utente prende atto che costituisce prova dell’adesione ai servizi prestati da DINDICASH, per il tramite dell’uso del Sito, la registrazione informatica dell’avvenuta conferma dei click di accettazione delle presenti TEC, della Politica Antiriciclaggio, dell’Informativa sul Rischio e dell’Informativa Privacy.

    3. Il Sito, configurato al dominio https://dindicash.com, gli eventuali domini di secondo livello, accessibili dalle singole pagine del Sito e i contenuti ivi pubblicati, salvo quanto precisato all’art. 14, nonché le eventuali API (Application Programming Interface) di accesso a determinati contenuti del Sito o i widget con i dati del Sito medesimo sono di proprietà di Anemone Web Building LTD in breve AWB LTD

    4. L’uso del Sito, incluso, in via esemplificativa, la registrazione al Sito, l’apertura di un account, l’accesso all’area riservata, l’invio di materiale al Sito e l’uso di uno qualsiasi dei servizi offerti attraverso il Sito qualifica l’utilizzatore come utente del Sito e implica l’accettazione integrale, e senza riserve, dei presenti TEC.

    5. I presenti TEC, la Politica Antiriciclaggio, l’Informativa sul Rischio, l’Informativa Privacy, le FAQcostituiscono l’”informativa legale” del Sito e il regolamento contrattuale che disciplina il rapporto tra l’utente e AWB ltd. In caso di disposizioni contrastanti tra i presenti TEC e uno qualsiasi dei documenti sopra menzionati, prevalgono le disposizioni contenute in questi ultimi.

    6. Per ogni eventuale richiesta di assistenza in merito al Sito o all’utilizzo dei servizi, l’utente può utilizzare la mail : support@dindicash.com . Prima di aprire un nuovo ticket, l’utente è invitato a verificare che tra le FAQnon esista già la risposta al suo quesito.

    7. Gli utenti si impegnano ad informare AWB di usi non autorizzati o non conformi del Sito, anche in violazione con i presenti TEC, inviando una mail a kyc@dindicash.com, con l’indicazione dei dati che consentano l’identificazione del contenuto del Sito non autorizzato o non conforme, ovvero del soggetto che ha utilizzato il Sito in modo non autorizzato o non conforme.

     

  3. DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE
  4. I contenuti del Sito, quali, a titolo esemplificativo, la piattaforma, i DAAs (Data as a Services: servizio web che mette a disposizione dell’utente i dati rendendoli disponibili in vari formati e ad applicazioni diverse), le formule, il codice di programmazione, il codice sorgente, le immagini, le fotografie, i suoni ed i video, i documenti, i disegni, le figure, i loghi ed ogni altro materiale, in qualsiasi formato, pubblicato sul Sito, compresi i menu, le pagine web, la grafica, i colori, gli schemi, gli strumenti, i caratteri ed il design, i diagrammi, il layouts, i metodi, i processi, le funzioni ed il software che fanno parte del Sito, sono protetti dal diritto d’autore e da ogni altro diritto di proprietà intellettuale di AWB e degli altri titolari dei diritti. È vietata la riproduzione, in tutto o in parte, in qualsiasi forma, del Sito e dei suoi contenuti, senza il consenso espresso in forma scritta di AWB.

    2. AWB ha il diritto esclusivo di autorizzare o vietare la riproduzione diretta o indiretta, temporanea o permanente, in qualunque modo o forma, in tutto o in parte, del Sito e dei suoi contenuti.

    3. L’utente si impegna a rispettare il diritto d’autore di chi pubblica i contenuti sul Sito. Inoltre, l’utente, in nessun caso, è autorizzato ad utilizzare, in qualsiasi modo e forma, i contenuti del Sito ed ogni singola opera protetta dal diritto d’autore e da ogni altro diritto di proprietà intellettuale. A titolo esemplificativo e non esaustivo, l’utente non potrà alterare o, in altro modo, modificare i contenuti e le opere protette senza il consenso di TRT e, ove necessario, dei singoli autori delle opere pubblicate sul Sito.

     

  5. MARCHI E NOMI DI DOMINIO
  6. La denominazione di “DINDICASH” costituisce un marchio in corso di registrazione di proprietà di AWB ltd, che, unitamente al dominio e a tutti gli elementi e contenuti richiamati nell’articolo 2, è protetto dalla legislazione nazionale e dalle convenzioni internazionali su diritto d’autore e proprietà intellettuale.

    2. AWB è titolare esclusiva dei loghi e dei marchi registrati “AWB” e di ogni altro segno distintivo che includa le parole “DINDI & CASH”, compreso il nome di dominio “dindicash.com” e la parola intera DINDICASH.

    3. L’utente non è autorizzato, salvo il consenso espresso di AWB, ad usare detti marchi per contraddistinguere prodotti o servizi anche non affini a quelli di AWB.

    4. Qualsiasi uso dei marchi non conforme alla legge, in quanto non autorizzato, è vietato. Inoltre, non è in alcun modo consentito usare i marchi ed ogni altro segno distintivo presente sul Sito per trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza di questi marchi o in modo da recare pregiudizio agli stessi ed ai loro titolari.

     

  7. OGGETTO E COSTO DEL SERVIZIO
  8. AWB presta, in via prevalente, le attività di Prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale, attraverso la fornitura agli utenti, a titolo professionale, di servizi funzionali all’utilizzo, allo scambio, alla conservazione di valute virtuali e alla sua conversione da ovvero in valute aventi corso legale. In tale ambito, in particolare, AWB mette a disposizione degli utenti servizi legati alla tecnologia blockchain: una piattaforma internet che consente di acquistare e vendere i token o qualsiasi altra moneta “virtuale” o “matematica” esistente, nonché consente la conversione di valute virtuali o token crittografici tra loro o contro valuta avente corso legale e viceversa.

    2. Per “valute virtuali”si intende la rappresentazione digitale di valore, non emessa da una banca centrale o da un’autorità pubblica, non necessariamente collegata a una valuta avente corso legale, utilizzata come mezzo di scambio per l’acquisto di beni e servizi e trasferita, archiviata e negoziata elettronicamente. Le valute virtuali acquistabili, vendibili o convertibili sul Sito sono esclusivamente quelle supportate dallo stesso e comunicate all’utente da AWB in una sezione dedicata del Sito; a titolo esemplificativo e non esaustivo, https://www.dindicash.com, e sottodominii quali ico.dindicash.com e ; adminpanel.dindicash.com  che sarà costantemente aggiornata con l’inserimento di nuovo valute virtuali e l’eliminazione di quelle non più trattate.

    3. AWB, come compenso per i servizi prestati attraverso il Sito, addebiterà all’utente le commissioni nei termini e secondo le modalità indicate nella apposita sezione del Sito “Fees”.

    4. Nell’utilizzo dei servizi secondo i presenti TEC, l’utente riconosce e accetta che: (a) AWB non agisce come suo rappresentante, mandatario, broker, intermediario, agente, consulente finanziario, esperto di investimenti o fiduciario; e (b) le informazioni fornite attraverso il Sito non costituiscono consulenze né consigli su investimenti, tanto meno su strumenti o prodotti finanziari.

    5. Attraverso il Sito AWB non offre strumenti finanziari o prodotti finanziari, né gestisce i fondi degli utenti, né presta servizi di investimento, né servizi di pagamento, né altro servizio o attività la cui prestazione sia riservata per la normativa vigente in Italia a soggetti autorizzati da parte di Autorità di vigilanza sui mercati finanziari, o di atre autorità comunque competenti a rilasciare dette autorizzazioni o comunque a vigilare su dette attività e servizi. A titolo meramente esemplificativo si precisa che AWB non presta, tramite la sua piattaforma, alcuna attività di gestione di mercati finanziari, sistemi multilaterali o organizzati di negoziazione, con espressa esclusione di ogni attività e/o servizio che abbia ad oggetto la negoziazione o scambio di strumenti finanziari (come definiti dal D.Lgs. 58/98 TUF, Allegato 1).

    6. Nessuna informazione, analisi o altro materiale presene sul Sito costituisce una sollecitazione a vendere o ad acquistare prodotti finanziari e/o strumenti finanziari, né tantomeno costituisce una forma di consulenza in materia di investimenti, tanto meno idonea a fornire le basi per una qualsivoglia decisione di investimento.

     

  9. I SERVIZI DEL SITO: CARATTERISTICHE E LIMITI DI UTILIZZO
  10. I servizi del Sito sono soggetti all’ordinamento italiano ed europeo, fatta salva l’erogazione del servizio di hosting o di altri servizi necessari all’uso del Sito, erogati da parti terze, ai quali si applicano le condizioni di uso riferibili a tali servizi.

    2. L’utente può utilizzare il Sito esclusivamente per gli scopi personali o aziendali connessi comunque ad una delle attività prestate da AWB ai sensi dell’art. 4 e nei limiti precisati nei presenti TEC. Qualora l’utente, attraverso l’utilizzo del Sito o tramite altro comportamento, metta in pericolo, volontariamente o involontariamente, la funzionalità del Sito stesso, AWB avrà il diritto di prendere tutte le misure necessarie a proteggere il Sito ed i propri sistemi.

    3. L’utilizzo dei servizi del Sito, per la sua stessa natura, si basa sulla necessità di effettuare negozi giuridici, concludere contratti e operazioni di acquisto e vendita per via telematica. L’utente si dichiara pienamente consapevole che l’accettazione per mezzo di strumenti elettronici costituisce un atto di consenso valido e vincolante. Allo stesso regime sono assoggettate le eventuali manifestazioni di assenso o di presa visione relative alle notifiche da parte di AWB di cancellazione, di variazione delle policy e dei contratti, etc.

    4. Il Sito è riservato all’utilizzo da parte di persone fisiche maggiorenni ai sensi della legge italiana o a persone non fisiche (enti) regolarmente costituite, rispettivamente residenti o con sede legale fuori dai Paesi esclusi ai sensi di quanto precisato infra.

    5. Con l’accesso al Sito e l’apertura di un account, l’utente dichiara e garantisce: (i) di accettare i presenti TEC, (ii) di avere almeno 18 anni, (iii) di essere nella piena capacità di accettare i presenti TEC, (iv) di utilizzare il Sito per transazioni che comportino esclusivamente l’acquisto, la vendita o lo scambio di valute virtuali e valute aventi corso legale, (v) di aver letto e di accettare l’Informativa sul Rischio, l’informativa privacy e la Politica Antiriciclaggio, i termini contrattuali e di servizio relativi a sistema di bartering interno a DINDICASH nonché (vi) di essere una persona fisica residente o legale rappresentante di una persona non fisica con sede legale in Italia o comunque in un Paese non soggetto ad esclusione dall’offerta dei servizi del Sito, come indicato infra.

    6. Il Sito, i servizi di AWB ed il loro utilizzo sono offerti e possono essere utilizzati a/da persone fisiche o non fisiche che hanno la residenza o la sede legale all’interno dei Paesi aderenti all’Area unica di pagamenti in euro (Single Euro Payment Area – SEPA) e alla lista dei Paesi, extra SEPA, di volta in volta aggiornata nella sezione FAQ dedicata. Il Cliente dichiara di conoscere ed accetta che in caso di dichiarazione mendaci o comunque di condotte in violazione dei predetti limiti di utilizzo del Sito e dei servizi: (i) AWB sospende i servizi prestati, con relativo blocco di ogni operatività, provvedendo alla segnalazione alle competenti autorità.

    7. All’utente del Sito non è consentito:

  • (a) utilizzare il Sito in modo che causi o possa causare danni al Sito medesimo o ne possa compromettere le prestazioni, la disponibilità o l’accessibilità;
  • (b) utilizzare il Sito in modo illecito, illegale, fraudolento o dannoso o in connessione con qualsiasi scopo o attività che siano illeciti, illegali o fraudolenti;
  • (c) utilizzare il Sito per copiare, archiviare, ospitare, trasmettere, inviare, utilizzare, pubblicare o distribuire qualsiasi materiale costituito da (o collegato a) spyware, virus informatico, trojan horsewormkeystroke loggerrootkit o qualsiasi altro software dannoso;
  • (d) condurre qualsiasi attività di raccolta dati sistematica o automatizzata (compresi, tra gli altri, raschiatura, estrazione e raccolta di dati) su o in relazione al Sito senza un esplicito consenso scritto da parte di AWB, salvo operazioni di raccolta previste dall’utilizzo delle API;
  • (e) accedere o in altro modo interagire con il Sito utilizzando robotspider o altri mezzi automatizzati, eccetto che per l’indicizzazione dei motori di ricerca, o con il consenso esplicito e scritto di AWB, oppure se relativi all’utilizzo delle API;
  • (f) eludere, aggirare, o tentare di aggirare eventuali restrizioni di accesso al Sito;
  • (g) alterare, modificare o distribuire a terzi qualsiasi materiale presente sul Sito.
  1. In deroga a quanto precede, è consentito comunque agli utenti di inoltrare a terzi le eventuali newsletter di AWB in formato elettronico.

    9. AWB si riserva il diritto di limitare l’accesso a determinate aree o all’intero Sito a sua discrezione. Inoltre, AWB si riserva il diritto, in ogni momento di modificare le procedure ed il funzionamento del Sito, di introdurre nuove modalità di fruizione, nuove condizioni di utilizzo e obblighi aggiuntivi relativi all’uso dei servizi. Tali modifiche saranno comunicate all’indirizzo email o tramite l’account utente e potranno comportare anche una modifica ai TEC, ai sensi dell’art. 15.

     

  2. REGISTRAZIONE AL SITO
  3. È possibile registrare un account sul Sito compilando e inviando il modulo di registrazione presente sul Sito stesso; per accedere ai servizi del Sito, e in particolare all’attività di conversione di valute virtuali da ovvero in valute aventi corso legale, è necessario anche completare il processo di verifica descritto all’articolo 8 e nella policy Antiriciclaggio.

    2. L’utente si assicura garantisce che tutte le informazioni fornite a AWB attraverso il Sito, o in relazione ad esso, siano veritiere, accurate, aggiornate e complete, assumendosi le conseguenti responsabilità, civili e/o penali, qualora venisse accertato che le informazioni fornite erano errate o -addirittura- false.

    3. AWB si riserva il diritto di chiedere all’utente, in qualsiasi momento ed a proprio insindacabile giudizio, ulteriori informazioni per consentire la corretta operatività ed erogazione dei servizi.

    4. Con la registrazione al Sito, l’utente acconsente a che tutte le comunicazioni di AWB vengano a lui trasmesse mediante posta elettronica, servizi di messaggistica ai riferimenti inseriti in sede di registrazione (email, tel, etc.) o tramite alert specifici e dedicati.

    5. L’utente accetta di non utilizzare alcun account diverso dal proprio, né di accedere all’account di altri, né di aiutare gli altri a ottenere accessi non autorizzati.

    6. L’utente si impegna a non permettere a terzi di utilizzare il proprio account per accedere al Sito.

    7. La creazione o l’uso improprio degli account da parte di un utente comporteranno la sospensione immediata e la successiva chiusura di tutti gli account a lui collegati, nonché la chiusura di tutti gli ordini di acquisto o vendita che dovessero essere ancora in corso.

     

  4. UTILIZZO DEI SERVIZI DEL SITO
  5. L’utilizzo dei servizi del Sito richiede l’utilizzo di dispositivi compatibili di proprietà dell’utente e l’accesso ad una connessione Internet.

    2. Prima di accedere ai servizi del Sito, l’utente è invitato a leggere e comprendere l’informativa sui rischi.

    3. L’utente, registrato sul Sito, al fine di poter impartire ordini di acquisto o vendita di valute virtuali e valute avente corso legale dovrà procedere al trasferimento di valute virtuali o di valute avente corso legale di sua proprietà (“Disponibilità”) su un conto dedicato, le cui modalità di accensione, utilizzo e gestione sono dettagliatamente riportate ed illustrate in una specifica sezione del Sito. Per lo svolgimento di tale attività, AWB si avvale anche di soggetti terzi abilitati alla prestazione di servizi bancari o di pagamento, sottoposti a vigilanza da parte dell’autorità di settore.

    4. Le Disponibilità trasferite dall’utente sul conto indicato da AWB sono ad uso esclusivo dell’acquisto e della vendita di valute virtuali o valute avente corso legale. Sul Sito l’utente può visualizzare il saldo delle Disponibilità e impartire l’ordine per effettuare transazioni all’interno della blockchain..

    5. Per acquistare o vendere le valute virtuali l’utente deve conferire un ordine (acquisto o vendita) a AWB. A tal fine, l’utente, registrato sul Sito, dovrà seguire le indicazioni fornite sulla schermata di impostazione dell’ordine, indicando almeno il tipo di operazione (acquisto/vendita) e l’ammontare della stessa.

    6. Le Disponibilità sul conto presso il Sito possono essere prelevate esclusivamente tramite trasferimento sullo stesso conto dal quale sono stati inviati in sede di primo versamento di valute virtuali o valute aventi corso legale.

    7. L’utente è il solo responsabile per l’uso di tutti gli elementi e i servizi del Sito. AWB, in particolare, non è responsabile per quanto riguarda la provenienza delle valute virtuali caricati sugli account degli utenti attraverso il Sito.

     

  6. OBBLIGHI ANTIRICICLAGGIO
  7. In sede di registrazione sul Sito nella sezione dedicata al cambio tra cryprovalute e valute a corso legale, l’utente è tenuto a fornire tutte le informazioni e/o documenti necessari che AWB medesima ritenga, a propria esclusiva discrezione, idonei a mantenere la conformità a qualsiasi legge, regolamento e politica interna (cfr. la Politica Antiriciclaggio adottata da AWB).

    2. Durante il processo di verifica di un account, l’utente deve fornire tutti i documenti che gli verranno richiesti. In particolare, registrando un account sul Sito, l’utente accetta di fornire a AWB, ovvero ad un altro soggetto delegato all’esecuzione degli adempimenti antiriciclaggio prescritti dalla legge per conto di AWB, informazioni aggiornate, accurate e complete così come richiesto dal processo di registrazione, nonché di mantenere aggiornate tali informazioni.

    3. In caso di un’operatività anomala o non completamente trasparente dell’account dell’utente, AWB potrà richiedere all’utente medesimo ulteriori informazioni, tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo l’autenticazione dei documenti, e potrà altresì congelare tutte le transazioni in attesa di effettuare le opportune verifiche dell’account.

    4. AWB si riserva il diritto di bloccare, sospendere e chiudere gli account di utenti per i quali non sia stata espletata l’adeguata verifica, nonostante ogni sforzo utile di AWB per contattare l’utente e sollecitare il completamento del processo di adeguata verifica.

    5. I documenti, i dati, le foto e altro materiale informativo raccolto durante le procedure di registrazione e verifica di un account sono soggetti all’obbligo di conservazione a cui AWB è tenuta in virtù della disciplina antiriciclaggio anche avvalendosi dei servizi offerti da un fornitore terzo.

    6. AWB applica controlli regolari sugli account degli utenti anche attraverso la richiesta di dare informativa sull’origine delle Disponibilità se e quando espressi o convertiti in valuta virtuale o valuta avente corso legale. Inoltre, AWB si riserva il diritto di bloccare o congelare l’account di qualsiasi utente, a propria discrezionalità e senza preavviso, in caso di sospetta provenienza illecita delle Disponibilità.

     

  8. SICUREZZA DELL’ACCOUNT
  9. È necessario che l’Utente mantenga la password di accesso al Sito riservata e attui ogni misura ragionevole e appropriata per mettere al sicuro: (i) qualsiasi dispositivo associato all’indirizzo e-mail di registrazione del proprio account, (ii) eventuali chiavi private e (iii) nome utente, password e qualsiasi altra credenziale di accesso o identificazione relativa al proprio account sul Sito.

    2. L’utente è responsabile del mantenimento della riservatezza delle informazioni del proprio account, incluse le password e le transazioni che vengono pubblicate sull’account, dovendosi adoperare con la massima diligenza possibile per salvaguardare il proprio account e le Disponibilità e gli altri fondi ivi presenti, attivando tutte le procedure di sicurezza a disposizione sul Sito. Inoltre, l’utente è responsabile di ogni conseguenza dannosa o pregiudizio che dovesse derivare a carico di AWB ovvero di terzi a seguito del non corretto utilizzo, dello smarrimento, sottrazione di tali informazioni.

    3. L’utente si impegna ad informare immediatamente AWB per iscritto al seguente indirizzo email Info@dindicash.com, se viene a conoscenza di un utilizzo non autorizzato del proprio account o se viene a conoscenza di qualsiasi divulgazione della propria password o di altre informazioni che potrebbero portare ad un utilizzo abusivo del proprio account. L’utente è altresì obbligato a comunicare immediatamente per iscritto a AWB qualsiasi altra violazione della sicurezza.

    4. L’utente è responsabile per qualsiasi attività derivante da qualsivoglia errore o negligenza nel mantenere riservate la propria password e altre informazioni personali correlate al proprio account. L’utente sarà ritenuto responsabile per eventuali perdite o danni derivanti da eventuali errori o negligenza.

    5. Se l’utente viola anche solo una delle precedenti disposizioni, AWB potrà procedere con la sospensione e la successiva chiusura dell’account, nonché l’utente sarà ritenuto responsabile delle perdite subite da AWB o da qualsiasi altro utente del Sito.

     

  10. CHIUSURA, SOSPENSIONE E BLOCCO DI UN ACCOUNT
  11. Fermo restando quanto precisato in altri articoli dei presenti TEC, AWB, in qualsiasi momento, a propria discrezione, senza preavviso o spiegazione, incluso, senza limitazione, in caso di tentativi di ottenere l’accesso non autorizzato al Sito, per altre ragioni di sicurezza o per violazioni dei TEC o di altro documento ivi richiamato, può:
  • a. sospendere, limitare, interrompere o chiudere l’account di un utente o i servizi a cui ha accesso;
  • b. congelare un account, bloccare l’utilizzo dei depositi ivi presenti e delle funzionalità del Sito, anche su indicazione dell’Autorità giudiziaria o della amministrazione finanziaria;
  • c. procedere alla chiusura definitiva dell’account, restando salva la possibilità, ove consentita dalla legge, per l’utente di trasferire le proprie Disponibilità su altri conti;
  • d. vietare l’accesso al Sito e/o ad un account di un utente;
  • e. adottare ogni misura tecnica o azione legale per inibire all’utente ritenuto responsabile di violazioni l’ulteriore utilizzo del Sito e dei servizi.
  1. ACCOUNT INATTIVI
  2. Nelle ipotesi in cui l’account dell’utente sia inattivo per un periodo di almeno 24 mesi e vi siano Disponibilità sul conto, AWB inviterà l’utente medesimo a comunicare le coordinate del conto corrente bancario a questi intestato su cui trasferire le Disponibilità casi in cui tale soluzione dovesse risultare difficilmente percorribile, AWB tratterrà le somme in quanto tutti i costi relativi a tali attività sono a cario dell’utente.

     

  3. RISERVATEZZA E PROTEZIONE DEI DATI
  4. Quando si accede al Sito, AWB (o Google Analytics per conto di AWB) può inserire file di dati chiamati cookie sul computer o altro dispositivo utilizzato per l’accesso (c.d. cookie tecnici). AWB utilizza queste tecnologie per riconoscere gli utilizzatori come utenti occasionali o come utenti registrati, per personalizzare il Sito e la pubblicità, misurare l’efficacia promozionale e raccogliere informazioni sul computer o su altri dispositivi di accesso, per ridurre i rischi, aiutare a prevenire le frodi e promuovere la fiducia e la sicurezza.

    2. L’utente è invitato a leggere attentamente l’informativa privacy che si applica anche nel caso in cui l’utente acceda o si registri al Sito e non utilizzi i relativi servizi. L’informativa privacy precisa come AWB raccoglie ed utilizza i dati personali e per quali finalità.

     

  5. RESPONSABILITA’ E GARANZIE
  6. AWB non rilascia dichiarazioni o garanzie in relazione alle “informazioni legali” sul Sito.

    2. Il Sito è corredato da misure di sicurezza appropriate in base agli standard correnti.

    3. AWB (e/o i suoi membri, e/o partner bancari e finanziari, e/o dipendenti e/o collaboratori) non può essere ritenuta responsabile per perdite o danni ai computer degli utenti durante l’utilizzo del Sito, ovvero per l’uso non corretto o inappropriato del Sito da parte di terzi, ovvero a causa del fornitore dei servizi di hosting.
    AWB non può essere ritenuta responsabile per eventuali danni, perdite di profitto, perdita di entrate, perdita di affari, perdita di opportunità, perdita di dati, perdita indiretta o consequenziale, o qualsiasi altra perdita dovuta a negligenza o dolo o utilizzo improprio del Sito da parte dell’utente.
    I rischi derivanti dall’uso dei servizi del Sito sono a carico esclusivo rischio dell’utente.

    4. AWB declina ogni responsabilità per eventuali danni derivanti dall’inaccessibilità ai servizi presenti sul Sito o da eventuali danni causati da virus, file danneggiati, errori, omissioni, interruzioni del servizio, cancellazioni dei contenuti, problemi connessi alla rete, ai provider o a collegamenti telefonici e/o telematici, ad accessi non autorizzati, ad alterazioni di dati, al mancato e/o difettoso funzionamento delle apparecchiature elettroniche dell’utente stesso.

    5. AWB non è responsabile dei ritardi o delle mancanze nel processo di trasferimento dei fondi da parte del sistema bancario, ovvero nella verifica delle transazioni da parte delle reti sottostanti ciascuna valuta virtuale.

    6. AWB non può essere ritenuta responsabile qualora, per eventi di forza maggiore, dovesse sospendere temporaneamente i depositi o gli accrediti.

    7. I presenti TEC non escludono né limitano la responsabilità per frode, violazione dei TEC, o qualsiasi altra responsabilità che non possa essere limitata o esclusa per legge.

    8. Fermo restando quanto precede, ove e qualora sussista, la responsabilità complessiva di AWB – in relazione a rivendicazioni basate su eventi dannosi che siano conseguenza immediata e diretta dell’uso del Sito e/o dei servizi da parte del singolo utente, sia contrattuale che per eventuale illecito (inclusa la negligenza) – non potrà comunque in nessun caso eccedere: (a) le Disponibilità detenute sull’account sottratto qualsiasi importo per commissioni e compensi che siano dovuti dall’utente; ovvero, alternativamente, (b) il 100% dell’importo delle transazioni che sono oggetto di reclamo comunicato dall’utente nelle forme e nei termini prestabiliti, sottratto qualsiasi importo per commissioni e compensi che sia dovuto a AWB e risulti pagabile in relazione a tale, ovvero a tali operazione/i oggetto di reclamo.

     

  7. SERVIZI DI RETE FORNITI DA TERZE PARTI
  8. La presenza di un link ad altri siti, ovvero l’utilizzo di servizi o applicazioni fornite da terze parti, incluso il servizio di hosting, non implica in nessun caso l’esistenza di relazioni tra AWB e il proprietario del sito o portale dal quale o verso il quale si effettua il collegamento, ovvero grazie al quale si determina l’utilizzo del Sito.

    2. AWB non è responsabile per i contenuti o servizi messi a disposizione del pubblico sul Sito attraverso il collegamento ipertestuale, ovvero attraverso l’utilizzo di applicazioni fornite da terze parti. Inoltre, AWB non si assume alcuna responsabilità per danni o perdite derivanti dal contenuto, informazioni, opinioni, prodotti e servizi offerti in altri siti accessibili tramite link del Sito.

    3. AWB non è responsabile dell’utilizzo di detti servizi, link o applicazioni di terzi da parte dei propri utenti e dell’eventuale rilascio di informazioni riservate da parte dei medesimi.

    4. AWB ha il diritto di revocare, in qualsiasi momento e senza preavviso, qualsiasi collegamento ad altri siti e/o l’accessibilità ad applicazioni di terze parti attraverso il proprio Sito.

    5. I link e i contenuti del Sito sono riconducibili a AWB solo con riferimento esclusivo ai contenuti direttamente gestiti da AWB stessa, precisati nei presenti TEC, non essendo quest’ultima in grado di gestire le informazioni collegate a siti e/o applicazioni di terze parti, ovvero legittimata a rappresentare l’accettazione di altre informazioni o servizi offerti su un sito collegato. L’Utente dunque è invitato a prestare attenzione quando si colleghi a siti web di terzi, tramite i link presenti sul Sito ed è invitato a leggere attentamente le loro condizioni d’uso e i regolamenti sulla privacy.

     

  9. MODIFICA DEI TEC E DELLA DOCUMENTAZIONE IVI RICHIAMATA
  10. AWB si riserva il diritto di modificare o integrare in tutto o in parte i presenti TEC, le commissioni e la documentazione ivi richiamata, in qualsiasi momento ed a sua completa ed esclusiva discrezione. I nuovi TEC sono vincolanti non appena pubblicati sul Sito, nella sezione dedicata.

    2. L’utente sarà avvisato di eventuali modifiche in via anticipata attraverso il proprio account o a mezzo email ed è invitato ad accettare le stessa. In seguito a tale notifica, è responsabilità dell’utente esaminare i termini delle condizioni modificati.

    3. In caso di rifiuto o di ritardo nell’accettazione delle modifiche, AWB avrà il diritto di chiudere, sospendere o bloccare l’account dell’utente ai sensi dell’art. 10. L’utente accetta e dà atto sin d’ora che AWB non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile nei confronti dello stesso e/o di terzi per la sospensione o cessazione dei servizi del Sito dovuta alla mancata accettazione del cliente delle modifiche. 
    L’uso del Sito dopo la pubblicazione di un avviso di modifica implica comunque l’accettazione delle modifiche da parte dell’utente e che tutte le operazioni successive effettuate da quest’ultimo siano soggette ai nuovi termini contrattuali.

     

  11. SOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE

Gli utenti residenti in uno Stato UE, per tutte le controversie o rivendicazioni derivanti da o in connessione con i presenti TEC, comprese le controversie relative alla loro validità, violazione, risoluzione o nullità, e per qualsiasi controversia o reclamo derivanti da o in connessione con l’uso del Sito, possono beneficiare delle forme di risoluzione delle controversie online attraverso l’utilizzo della piattaforma ODR, fornita dalla Commissione Europea, che consentirà, entro 30 giorni, con l’accordo di AWB, di individuare l’organismo di risoluzione extragiudiziale competente per l’Italia, nonché di usufruire della procedura messa a disposizione dal predetto organismo direttamente attraverso la piattaforma in questione disponibile in tutte le lingue UE.

Prima di accedere alla procedura di risoluzione extragiudiziale delle controversie di cui al paragrafo precedente, l’utente si impegna a inoltrare reclamo direttamente a AWB via email all’indirizzo info@dindicash.com. AWB si riserva di rispondere nei 60 giorni successivi alla data di ricezione del reclamo da parte dell’utente.

 

GLOSSARIO

Disponibilità: trasferimento di valute virtuali o di valute avente corso legale di proprietà dell’utente su un conto dedicato.
Prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale: ogni persona fisica o giuridica che fornisce a terzi, a titolo professionale, servizi funzionali all’utilizzo, allo scambio, alla conservazione di valuta virtuale e alla loro conversione da ovvero in valute aventi corso legale;
Sito: www.dindicash.com;
TEC: termini e condizioni di utilizzo del Sito e dei Servizi Dindicash;
AWB: Anemone web building ltd , 27 old glouchester street,  United Kingdom, WC1N 3AX
Valute virtuali: la rappresentazione digitale di valore, non emessa da una banca centrale o da un’autorità pubblica, non necessariamente collegata a una valuta avente corso legale, utilizzata come mezzo di scambio per l’acquisto di beni e servizi e trasferita, archiviata e negoziata elettronicamente.

Ultimo aggiornamento: 26-Apr-2018 12:00am

PREMESSA

ANEMONE WEB BUILDING LTD  (In breve“AWB”), in qualità di prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e in conformità alle disposizioni normative in materia di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo internazionale (cfr. il D.lgs. n. 231/2007 – “Decreto Antiriciclaggio”), ha implementato presidi idonei alla gestione del relativo rischio volti a prevenire il coinvolgimento della stessa AWB in eventi criminosi che possono avere riflessi negativi sulla propria stabilità e reputazione sul mercato.

Il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo rappresentano fenomeni criminali che, anche in virtù della loro dimensione transnazionale, possono costituire una grave minaccia per l’economia legale. Si tratta di fattori di forte inquinamento per l’intero sistema economico: il reinvestimento dei proventi illeciti in attività legali e la presenza di operatori e di organismi economici collusi con la criminalità alterano profondamente i meccanismi di mercato, inficiano l’efficienza e la correttezza dell’attività finanziaria e indeboliscono il sistema economico.

E’ noto che AWB mette a disposizione degli utenti servizi legati alla tecnologia blockchain: una piattaforma internet che consente di acquistare e vendere i token o qualsiasi altra moneta “virtuale” o “matematica” esistente, nonché consente la conversione di valute virtuali o token crittografici tra loro o contro valuta avente corso legale e viceversa. In tale ambito, avvengono transazioni protette attraverso la crittografia, potenzialmente vulnerabili, per la loro anonimità, alle infiltrazioni di fenomeni di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo internazionale, così come indicato dal Gruppo d’Azione Finanziaria Internazionale (GAFI), o FATF (Financial Action Task Force).

Tutto ciò posto, l’azione di prevenzione e contrasto del riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo da parte di AWB si esplica attraverso l’introduzione di presidi volti a garantire l’adeguata verifica del cliente, la tracciabilità delle transazioni finanziarie, l’individuazione delle operazioni sospette e la conservazione di dati e documenti della clientela. Il presente documento (“Politica AML”), in particolare, descrive i principi e i criteri generali – a sua volta oggetto di ulteriore e puntuale regolamentazione interna – implementati e gestiti da AWB per l’adempimento degli obblighi imposti dal Decreto Antiriciclaggio in ragione della sua attività caratteristica, ai quali sono tenuti ad attenersi i dipendenti, i collaboratori, i clienti, gli esponenti aziendali e i partner commerciali.


FONTI NORMATIVE

A seguito del recepimento nel nostro ordinamento della Direttiva 2015/849/UE (nota come IV direttiva antiriciclaggio), la normativa nazionale in materia è stata modificata sostanzialmente, ampliandone l’ambito di applicazione della stessa anche ai prestatori di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale, limitatamente allo svolgimento dell’attività di conversione di valute virtuali da ovvero in valute aventi corso forzoso.

La IV Direttiva antiriciclaggio è stata attuata nel nostro ordinamento con il D.lgs. 90/2017 che ha modificato e integrato il Decreto Antiriciclaggio.

Il Decreto Antiriciclaggio si basa su tre principali pilastri:

  • adeguata verifica della clientela;
  • conservazione di dati e informazioni della clientela;
  • segnalazioni delle operazioni sospette.

Le disposizioni normative del Decreto Antiriciclaggio prevedono un accurato censimento delle informazioni sulla clientela ed introducono il concetto di “approccio basato sul rischio” in funzione della “sensibilità” dei clienti, commisurando gli obblighi di adeguata verifica della clientela al rischio associato al cliente, al prodotto e all’area geografica.

Le autorità a livello nazionale chiamate a vigilare sul rispetto della normativa sono il Ministero dell’Economia delle Finanze, l’Ufficio di Informazione Finanziaria (UIF) presso la Banca d’Italia, le Autorità di Vigilanza dei singoli settori in cui operano i soggetti sottoposti all’applicazione della normativa, la Direzione Investigativa Antimafia (DIA) e la Guardia di Finanza.


DEFINIZIONI

Al fine di rendere chiara la terminologia utilizzata nella presente Politica AML/KYC, si precisano le seguenti definizioni:

  • Cliente: E’ il soggetto che instaura rapporti continuativi con AWB, apre un account sul Sito e compie operazioni di acquisto e vendita ovvero richiede o ottiene l’esecuzione di una prestazione professionale da parte di AWB.
  • Dati Indentificativi: Sono: il nome e il cognome, il luogo e la data di nascita, la residenza anagrafica e il domicilio, ove diverso dalla residenza anagrafica, gli estremi del documento di identificazione e, ove assegnato, il codice fiscale o, nel caso di soggetti diversi da persona fisica, la denominazione, la sede legale e, ove assegnato, il codice fiscale.
  • Esecutore: E’ il soggetto delegato ad operare in nome e per conto del Cliente o a cui siano comunque conferiti poteri di rappresentanza che gli consentano di operare in nome e per conto del Cliente.
  • Finanziamento del Terrorismo: Qualsiasi attività diretta, con ogni mezzo, alla fornitura, alla raccolta, alla provvista, all’intermediazione, al deposito, alla custodia o all’erogazione, in qualunque modo realizzate, di fondi e risorse economiche, direttamente o indirettamente, in tutto o in parte, utilizzabili per il compimento di una o più condotte, con finalità di terrorismo secondo quanto previsto dalle leggi penali ciò indipendentemente dall’effettivo utilizzo dei fondi e delle risorse economiche per la commissione delle condotte anzidette.
  • Operazione Frazionata: E’ un’operazione unitaria sotto il profilo del valore economico, di importo pari o superiore ai limiti stabiliti dal presente decreto, posta in essere attraverso più operazioni, singolarmente inferiori ai predetti limiti, effettuate in momenti diversi ed in un circoscritto periodo di tempo fissato in sette giorni, ferma restando la sussistenza dell’operazione frazionata quando ricorrano elementi per ritenerla tale.
  • Operazione Occasionale: E’ un’operazione non riconducibile a un rapporto continuativo in essere; costituisce operazione occasionale anche la prestazione intellettuale o commerciale, ivi comprese quelle ad esecuzione istantanea, resa in favore del cliente.
  • Paesi ad Alto Rischio: Sono i Paesi non appartenenti all’Unione Europea i cui ordinamenti presentano carenze strategiche nei rispettivi regimi nazionali di prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, per come individuati dalla Commissione Europea.
  • Persone Politicamente Esposte – PEP: “Sono le persone fisiche che occupano o hanno cessato di occupare da meno di un anno importanti cariche pubbliche, nonché i loro familiari e coloro che con i predetti soggetti intrattengono notoriamente stretti legami, come di seguito elencate:
    1. sono persone fisiche che occupano o hanno occupato importanti cariche pubbliche coloro che ricoprono o hanno ricoperto la carica di:
    • 1.1 Presidente della Repubblica, Presidente del Consiglio, Ministro, Vice-Ministro e Sottosegretario, Presidente di Regione, assessore regionale, Sindaco di capoluogo di provincia o città metropolitana, Sindaco di comune con popolazione non inferiore a 15.000 abitanti nonché cariche analoghe in Stati esteri;
    • 1.2 deputato, senatore, parlamentare europeo, consigliere regionale nonché cariche analoghe in Stati esteri;
    • 1.3 membro degli organi direttivi centrali di partiti politici;
    • 1.4 giudice della Corte Costituzionale, magistrato della Corte di Cassazione o della Corte dei conti, consigliere di Stato e altri componenti del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione siciliana nonché cariche analoghe in Stati esteri;
    • 1.5 membro degli organi direttivi delle banche centrali e delle autorità indipendenti;
    • 1.6 ambasciatore, incaricato d’affari ovvero cariche equivalenti in Stati esteri, ufficiale di grado apicale delle forze armate ovvero cariche analoghe in Stati esteri;
    • 1.7 componente degli organi di amministrazione, direzione o controllo delle imprese controllate, anche indirettamente, dallo Stato italiano o da uno Stato estero ovvero partecipate, in misura prevalente o totalitaria, dalle Regioni, da comuni capoluoghi di provincia e città metropolitane e da comuni con popolazione complessivamente non inferiore a 15.000 abitanti;
    • 1.8 direttore generale di ASL e di azienda ospedaliera, di azienda ospedaliera universitaria e degli altri enti del servizio sanitario nazionale;
    • 1.9 direttore, vicedirettore e membro dell’organo di gestione o soggetto svolgenti funzioni equivalenti in organizzazioni internazionali;
  1. sono familiari di persone politicamente esposte: i genitori, il coniuge o la persona legata in unione civile o convivenza di fatto o istituti assimilabili alla persona politicamente esposta, i figli e i loro coniugi nonché le persone legate ai figli in unione civile o convivenza di fatto o istituti assimilabili;

    3. sono soggetti con i quali le persone politicamente esposte intrattengono notoriamente stretti legami:
    • 3.1 le persone fisiche legate alla persona politicamente esposta per via della titolarità effettiva congiunta di enti giuridici o di altro stretto rapporto di affari;
    • 3.2 le persone fisiche che detengono solo formalmente il controllo totalitario di un’entità notoriamente costituita, di fatto, nell’interesse e a beneficio di una persona politicamente esposta.”
  • Rapporto Continuativo: E’ un rapporto di durata, rientrante nell’esercizio dell’attività di istituto svolta dai soggetti obbligati, che non si esaurisce in un’unica operazione.
  • Riciclaggio: “Per Riciclaggio si intendono i seguenti fenomeni criminosi: conversione o trasferimento di beni, effettuati essendo a conoscenza che essi provengono da un’attività criminosa o da una partecipazione a tale attività, allo scopo di occultare o dissimulare l’origine illecita dei beni medesimi o di aiutare chiunque sia coinvolto in tale attività a sottrarsi alle conseguenze giuridiche delle proprie azioni; occultamento o dissimulazione della reale natura, provenienza, ubicazione, disposizione, movimento, proprietà dei beni o dei diritti sugli stessi, effettuati essendo a conoscenza che tali beni provengono da un’attività criminosa o da una partecipazione a tale attività; acquisto, detenzione o utilizzazione di beni essendo a conoscenza, al momento della loro ricezione, che tali beni provengono da un’attività criminosa o da una partecipazione a tale attività; d) la partecipazione ad uno degli atti di cui alle lettere a), b) e c) l’associazione per commettere tale atto, il tentativo di perpetrarlo, il fatto di aiutare, istigare o consigliare qualcuno a commetterlo o il fatto di agevolarne l’esecuzione. “
  • Titolare Effettivo: E’ la persona fisica o le persone fisiche, diverse dal cliente, nell’interesse della quale o delle quali, in ultima istanza, il rapporto continuativo è instaurato, la prestazione professionale è resa o l’operazione è eseguita.

ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

La conoscenza del cliente (know your customer – KYC) rappresenta un tema essenziale della normativa nazionale ed europea nell’ambito dei rapporti finanziari tra gli operatori ed i clienti.

Un’adeguata verifica della clientela, oltre a configurare un valido strumento per il contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, tutela gli operatori dall’esposizione ai rischi di carattere commerciale, reputazionale nonché dall’applicazione di sanzioni amministrative, civili e penali.

AWB effettua l’adeguata verifica della clientela e monitora l’attività attraverso l’analisi dei seguenti parametri:

  • dati identificativi/generalità;
  • natura giuridica (per glie enti);
  • prevalente attività svolta;
  • origine dei fondi;
  • comportamento tenuto al momento dell’apertura del rapporto continuativo o al compimento dell’operazione;
  • area geografica di appartenenza;
  • scopo di apertura del rapporto;
  • tipologia dell’operazione o del rapporto;
  • ammontare dell’operazione;
  • ragionevolezza dell’operazione e del rapporto.

Nell’acquisizione delle informazioni sulla clientela, AWB si avvale della attività posta in essere da soggetti terzi a cui si è delegata l’attività di adeguata verifica. In particolare, il soggetto delegato acquisisce almeno il documento di riconoscimento del cliente e ne verifica l’identità. In ogni caso, l’acquisizione dei dati interni ed esterni, consente a AWB di poter determinare per ogni cliente il relativo profilo di rischio di riciclaggio, che verrà sottoposto ad un monitoraggio periodico in base al menzionato profilo di rischio.

AWB nel corso della relazione con il cliente aggiorna costantemente la due diligence customer sia durante la fase di revisione del rapporto (programmata in funzione del livello di rischio), sia al verificarsi di eventuali eventi quali a titolo esemplificativo e non esaustivo: la generazione di anomalie rilevate dagli applicativi informatici in uso, la segnalazione dalle Autorità, la rilevazione di operazioni poste in essere dal cliente non coerenti con la natura del rapporto sottostante.


RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO E FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO

La Politica Antiriciclaggio adottata da AWB, è ispirata ai principi dell’”approccio basato sul rischio”. In particolare, AWB:

  • non effettua operazioni con le società bancarie di comodo che non hanno una presenza fisica nel paese in cui sono costituite e autorizzate all’esercizio dell’attività (shell bank);
  • pone maggiore attenzione e adotta misure rafforzate nei casi in cui si determino situazioni che comportano un maggiore rischio di riciclaggio o nella verifica di persone che ricoprono o hanno ricoperto importanti cariche pubbliche (Persone politicamente esposte);
  • non compie operazioni che coinvolgono a qualunque titolo (presentatori, ordinanti o beneficiari) soggetti censiti in provvedimenti delle autorità giudiziarie;
  • controlla le operazioni in partenza e in arrivo (controlli sui beneficiari e ordinanti) e valuta i movimenti scartati in seguito ad indici di somiglianza con le liste antiterrorismo;
  • effettua, in via automatizzata, controlli anagrafici ed effettua confronti con i nominativi presenti nelle liste fornite dall’ONU e dai Regolamenti CE e dal altre agenzie internazionali e nazionali.

CONSERVAZIONE DELLE INFORMAZIONI

Al fine del rispetto degli obblighi di conservazione, AWB ha istituito un registro informatico, il quale assicura che la gestione dei dati avvenga con chiarezza, completezza, affinché ci sia l’immediatezza delle informazioni e la facilità nel consultarli. La tenuta del registro è stata affidata da AWB ad un soggetto terzo.

Le informazioni e i dati reperiti vengono conservati per dieci anni come disposto dall’attuale decreto legislativo 231/2007.


FUNZIONE ANTIRICICLAGGIO

AWB ha nominato un Responsabile della Funzione Antiriciclaggio.

Il sistema dei controlli interni di AWB comunque coinvolge tutta la struttura aziendale dagli Organi societari alle funzioni di controllo. AWB assicura che siano mantenuti adeguati controlli interni a protezione dell’integrità del processo di gestione del rischio di riciclaggio e del connesso rischio reputazionale attraverso la predisposizione di stringenti linee guida in materia, nonché tramite un’adeguata struttura organizzativa interna.

L’aggiornamento della Politica Antiriciclaggio, nonché la verifica del rispetto delle procedure e delle disposizioni interne adottate da AWB, è affidata alla Funzione Antiriciclaggio che, in collaborazione con le altre funzioni interne o ai professioni esterni, è chiamata a garantire l’efficacia delle attività poste in essere per la mitigazione dei rischi legati al riciclaggio di danaro e al finanziamento del terrorismo.


PRESIDI ORGANIZZATIVI/ NORMATIVI

AWB ha implementato specifici presidi organizzativi/normativi per l’assolvimento degli obblighi imposti dal Decreto Antiriciclaggio. Sono state, in particolare, predisposte adeguate procedure normative interne per disciplinare gli adempimenti prescritti al fine di fornire, alle funzioni aziendali di AWB, strumenti organici di consultazione e di supporto utili alla comprensione della materia.

AWB, inoltre, si è dotata di specifici strumenti informatici sia per l’analisi dei profili di rischio antiriciclaggio da attribuire alla clientela che per il monitoraggio delle operazioni “anomale” per le quali viene effettuata da parte delle strutture competenti un’analisi al fine della valutazione delle stesse.


SEGNALAZIONE DELLE OPERAZIONI SOSPETTE

AWB al fine di cooperare con le Autorità per garantire la stabilità del sistema finanziario ed evitare il coinvolgimento della stessa in fenomeni di riciclaggio e finanziamento del terrorismo, ha adottato un processo strutturato per le segnalazioni di operazioni che destano sospetto circa la provenienza illecita dei fondi trasferiti. A tale scopo, AWB ha individuato un soggetto delegato alla segnalazione delle operazioni sospette, che è tenuto alla trasmissione all’Unità di Informazione Finanziaria (UIF) delle segnalazioni nelle forme e secondo le modalità prescritte dall’Autorità.


FORMAZIONE

AWB, come previsto dal Decreto Antiriciclaggio, annualmente predispone un programma di formazione (e-learning, corsi specializzati) obbligatorio per tutto il personale, i collaboratori e gli esponenti aziendali.

  1. COSA E’ DINDICASH E CHE COSA FA?

Dindicash è un copyright di Anemone Web Building ltd-spa, con sede legale in Old Gloucester street 27 London Vat 285516969, domiciliata in via leone XIII 95 Roma (Anemone Web Building Ltd in breve “AWB”) è la società proprietaria del sito www.dindicash.com (“Sito”) e sottodomini https//:adminpanel.dindicash.com.

Attraverso il Sito AWB presta, in via prevalente, le attività di prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale, attraverso la fornitura agli utenti, a titolo professionale, di servizi funzionali all’utilizzo, allo scambio di valore, allo scambio di beni e servizi, alla conservazione di valute virtuali e alla sua conversione da ovvero in valute aventi corso legale. In tale ambito, in particolare, AWB mette a disposizione degli utenti servizi legati alla tecnologia blockchain: una piattaforma internet che consente di acquistare e vendere i token o qualsiasi altra moneta “virtuale” o “matematica” esistente, nonché consente la conversione di valute virtuali o token crittografici tra loro o contro valuta avente corso legale e viceversa.

Per l’ordinamento italiano, l’attività di AWB rientra nella definizione di “Prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuali” (cfr. D.lgs. 231/2007, art. 1, c. 2, lett. “ff”) tenuto, in ragione dell’art. 17-bis, c. 8-bis, D.lgs. 141/2010, all’iscrizione in una sezione speciale del registro gestito dall’OAM (ad oggi non ancora istituita).

TRT, in quanto prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuali è tenuto al rispetto degli obblighi imposti ai soggetti obbligati dalla normativa antiriciclaggio, cfr., ex D.lgs. 231/2007.

Inoltre, il Sito, i servizi di AWB ed il loro utilizzo non sono offerti, né possono essere utilizzati a/da persone fisiche o non fisiche che abbiano la residenza o la sede legale negli Stati Uniti d’America e in tutti quegli ulteriori Paesi indicati dalle autorità europee come “blacklisted” negli appositi elenchi (di volta in volta aggiornati) accessibili tramite il seguente link: https://www.ecb.europa.eu/paym/retpaym/paymint/sepa/html/index.en.html.


  1. COSA SONO LE “VALUTE VIRTUALI”

Le valute virtuali sono definite come rappresentazioni digitali di valore che non sono emesse da una banca centrale o autorità pubblica né sono necessariamente collegate a una valuta avente corso legale, ma che vengono utilizzate da una persona fisica o giuridica come mezzo di scambio e che possono essere trasferite, archiviate e negoziate elettronicamente (cfr. per approfondire l’EBA Opinion on Virtual Currencies del 4 luglio 2014, consultabile al link disponibile qui, richiamata anche dalla comunicazione congiunta della Banca d’Italia e dell’Unità di Informazione Finanziaria del 30 gennaio 2015, clicca qui per accedere alla comunicazione, nonché vedi anche da ultimo la definizione del D.lgs. 231/2007, art. 1, c. 2, lett. “ff”).


  1. CARATTERISTICHE DELLE VALUTE VIRTUALI

Per comprendere i rischi derivanti dall’utilizzo di valute virtuali, bisogna conoscerne le caratteristiche principali.

Sebbene ciascuna valuta virtuale abbia propri meccanismi di funzionamento, la maggior parte di esse, come indicato dalla Banca d’Italia nella richiamata comunicazione, presenta le seguenti caratteristiche:

  • sono create da un emittente privato (nel caso delle cc.dd. valute centralizzate), ovvero, in via diffusa, da utenti che utilizzano software altamente sofisticati all’interno di reti aperte (nel caso delle cc.dd. valute decentralizzate);
  • sono movimentate attraverso portafogli elettronici (c.d. wallet), che si possono salvare sul proprio computer o su uno smartphone, ovvero che possono essere accessibili e consultabili via Internet a seguito di meccanismi di registrazione e autenticazione;
  • possono essere acquistate anche con moneta avente corso legale su una piattaforma di scambio che offre il servizio di acquisto, vendita e conversione delle valute virtuali con moneta avente corso legale, ovvero ricevute online direttamente da qualcuno che le possiede, per poi essere detenute su un wallet “interno” alla piattaforma di scambio, ovvero su un proprio wallet esterno ad essa;
  • le transazioni tramite le quali vengono trasferite le valute virtuali sono tecnicamente irreversibili (una volta fatta la transazione non è possibile chiederne l’annullamento).
  1. COSA SONO I TOKEN DIGITALI O CRITTOGRAFICI

I token digitali sono unità di conto crittografiche emesse in corrispondenza di un processo di c.d. IEO o Initial Exchanger Offering svolto appositamente per raccogliere denaro dal pubblico attraverso la vendita di essi e lo scambio con altre valute virtuali, ovvero, in taluni casi, con monete aventi corso legale.

In una IEO, un’azienda, una start up o una entità ancora non organizzata in forma societaria emette monete o gettoni crittografici e li mette in vendita in cambio di valuta avente corso legale, ovvero, molto più spesso, in cambio di valute virtuali, come ad esempio Bitcoin o Ether.


  1. RISCHI CONNESSI ALL’UTILIZZO DI VALUTE VIRTUALI

Le negoziazioni di acquisto, vendita e conversione di valuta virtuale e token digitali comportano alcuni rischi. I rischi includono a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo:

  • (a) Carenza di informazioni: in assenza di obblighi informativi può risultare difficile reperire indicazioni affidabili per comprendere il funzionamento, i costi, il valore e i rischi di ciascun tipo di valuta virtuale.
  • (b) Assenza di tutele legali e contrattuali: l’acquisto, lo scambio e l’utilizzo di valute virtuali non sono assistiti da tutele legali e/o contrattuali analoghe a quelle che accompagnano le operazioni in valuta avente corso legale; le transazioni in valuta virtuale sono quasi sempre tecnicamente irreversibili.
  • (c) Assenza di forme di controllo e vigilanza: l’emissione e la gestione di valute virtuali, compresa la conversione in moneta avente corso legale sono attività non soggette a vigilanza da parte di alcuna altra autorità in Italia.
  • (d) Assenza di forme di tutela o garanzia delle somme depositate: in caso di condotta fraudolenta, di fallimento o cessazione di attività delle piattaforme di scambio non esistono tutele normative specifiche atte a coprire le perdite subite. Analogamente, per le somme in valuta virtuale depositate presso terzi non operano i tradizionali strumenti di tutela, quali i sistemi di garanzia dei depositi.
  • (e) Elevata volatilità del valore e rischi di perdite: il valore delle valute virtuali è caratterizzato da una grande volatilità, anche a causa dei meccanismi di formazione dei prezzi e dall’assenza di un’autorità centrale in grado di intervenire per stabilizzarne il valore. Tale circostanza può comportare perdite in caso di detenzione di valuta virtuale.
  • (f) Rischio di utilizzo per finalità criminali e illecite1: la rete di valute virtuali può prestarsi a essere utilizzata per transazioni connesse ad attività criminali, incluso il riciclaggio di denaro da evitare con adeguati presidi antiriciclaggio;
  • (g) Rischio legale: lo status legale delle valute virtuali e di determinati token digitali è incerto. Ciò può comportare che la detenzione o lo scambio in taluni Paesi può essere suscettibile di espressa regolamentazione, così come di divieto da parte delle autorità pubbliche.
  • (h) Rischio di mercato: il mercato delle valute virtuali e dei token crittografici è ancora nuovo e incerto. Nessuno dovrebbe investire fondi in questo mercato o speculare se non è disponibile a subire delle perdite, ovvero se on è preparato a perdere l’intero investimento.
  • (i) Rischio di controparte: la presenza di valute virtuali o di token digitali in deposito anche attraverso l’erogazione di servizi di terze parti comporta dei rischi di custodia. Tali rischi comprendono violazioni della sicurezza, rischio di perdita, blocchi nell’operatività degli Exchanger (i.e. i siti web che permettono di scambiare valute virtuali con valute avente corso legale e viceversa o valute virtuali). Gli utenti finali hanno l’obbligo di porre in essere ogni cautela possibile per evitare – o eliminare il più possibile – le giacenze di valute virtuali e token digitali nei wallet interni messi a disposizione dalle piattaforme di scambio.
  • (j) Rischi di conversione, acquisto e vendita: oltre ai rischi di liquidità, i valori delle valute virtuali e dei token crittografici in qualsiasi mercato sono molto volatili e possono subire cambiamenti repentini. I partecipanti che scambiano, acquistano o vendono valute virtuali e token digitali devono prestare particolare attenzione al modo in cui il valore può essere influenzato da cambiamenti o informazioni improvvise. Inoltre, il partecipante si espone al rischio di non essere in grado di convertire le valute virtuali e i token digitali in una valuta avente corso legale anche per un lungo periodo.
  • (k) Rischio di liquidità: i mercati delle valute virtuali e dei token digitali hanno vari gradi di liquidità. Alcuni sono piuttosto liquidi, mentre altri potrebbero essere meno liquidi. Questi ultimi possono amplificare la volatilità del prezzo.

1 I rischi dalla lett. a) alla f) sono evidenziati dalla Banca d’Italia nella Comunicazione già citata nel presente documento del 30 gennaio 2015.

Cfr. per approfondire la richiamata comunicazione congiunta della Banca d’Italia e dell’Unità di Informazione Finanziaria del 30 gennaio 2015 (clicca qui per accedervi) e il warning pubblicato congiuntamente da ESMA, EBA e EIOPA sui rischi collegati alle valute virtuali (clicca qui per accedervi).


  1. RISCHI CONNESSI ALLA PARTECIPAZIONE AD UNA ICO

L’acquisto di token crittografici equivale ad investire in una ICO, come sopra definita. Come indicato dall’European Securities and Markets Authority (cfr. ESMA nell’avvertenza del 13 novembre 2017, consultabile al link cliccando qui), i rischi principali nell’investire in una IEO sono i seguenti:

  • area non regolamentata, soggetta a potenziali frodi o attività illecite: a seconda di come sono strutturati i token crittografici offerti in una IEO, essi possono sfuggire alle regole esistenti e possono rientrare in un’area non regolamentato priva di tutele e protezione per l’investitore;
  • alto rischio di perdere il capitale investito: la stragrande maggioranza delle IEO sono lanciate da aziende o startup che si trovano in una fase iniziale di sviluppo e che hanno un alto rischio di fallimento;
  • assenza di opzioni di uscita e estrema volatilità dei prezzi: gli investitori potrebbero non essere in grado di scambiare i token digitali con monete aventi corso legale in quanto non tutti i token crittografici sono negoziabili su piattaforme di scambio ed il loro prezzo è estremamente volatile perché connesso ai servizi che devono essere sviluppati dall’emittente;
  • informazioni inadeguate: le informazioni rese disponibili agli investitori, ad es. i cosiddetti white paper, nella maggior parte dei casi sono non certificati, sono incompleti o addirittura ingannevoli; gli investitori quindi potrebbero non comprendere pienamente i potenziali rischi che si assumono acquistando token crittografici;
  • difetti nella tecnologia: la tecnologia del registro distribuito o blockchain alla base dei token crittografici, a differenza di quelle delle valute virtuali, è ancora in gran parte non testata e possono esservi dei difetti di sviluppo software. Talché, da un lato gli investitori potrebbero non essere in grado di accedere o controllare i loro token digitali che, peraltro, possono essere rubati o sottratti ad esempio in caso di un hack, e dall’altro, la tecnologia del registro potrebbe non funzionare in modo rapido e sicuro, ad es. durante i picchi di attività.

Si ricorda, comunque che tramite il Sito è possibile partecipare o aderire soltanto alla IEO Dindicash, il quale Token Dindicash in breve (DDCH) sarà scambiabile contemporaneamente Vs valuta Fiat e Vs valuta di scambio interna al circuito DINDI.